Belle Epoque – Via dei termini, 16 – Siena

In un caffè parigino il pubblico assiste alla prima rappresentazione cinematografica dei fratelli Lumière. E` la Belle Époque. Sperimentazioni cinematografiche, spettacoli teatrali. E` l`epoca di George Melies, prestigiatore e inventore, che presenta nei teatri i suoi spettacoli illusionistici. La danza esplode insieme al mito del progresso col ballo Excelsior acclamato da tutta Europa. Nello stesso periodo hanno inizio i primi esperimenti di volo. I fratelli Wright riescono a far volare un rudimentale aereo con motore a scoppio.
All`Arena di Milano si organizzano viaggi in aerostato a pagamento. Il duca degli Abruzzi arriva fino al Polo Nord. Luigi Barzini e il principe Scipione Borghese giungono a Parigi, dall`Italia, in automobile. Viene ultimato il traforo del Sempione e una spedizione alpinistica italiana sale sulla vetta del K2. Sono gli anni delle prime gare di bicicletta femminili e il primo Giro d`Italia. Gli spettacoli di Fregoli e fotografia di Verdi e ancora la visita a Venezia di Guglielmo II di Germania; il pubblico che assiste alle gare di cavalli all`ippodromo delle Capannelle. Durante questo periodo nacquero il cabaret, il can-can e il cinema, che allietavano le serate di molte persone. Nuove invenzioni resero la vita più facile a tutti i ceti e livelli sociali, la scena culturale prosperava e l’arte prendeva nuove forme con l’impressionismo e l’Art Nouveau.
Affrontare la vita con questo spirito significava caratterizzarlo in modo spensierato e positivo. Gli abitanti delle città avevano scoperto il piacere di uscire, anche e soprattutto dopo cena, di recarsi a chiacchierare nei caffè e ad assistere a spettacoli teatrali. Le vie e le strade cittadine erano piene di colori: manifesti pubblicitari, vetrine con merci di ogni tipo, eleganti magazzini. Ogni oggetto e ogni luogo diveniva un’elegante decorazione, un motivo floreale, una linea curva e arabesca. Fu così che il periodo che va dal 1890 al 1914 fu caratterizzato da un periodo di euforia e frivolezza, denominato “Belle Époque”.

[rev_slider bellepoque]

Liberamente Osteria – Piazza del Campo, Siena

Scoppia il mortaretto!

E capisci che Siena non ha mezze misure (già la sua balzana ti avverte…o bianco o nero) né accetta compromessi…o la ami dal primo momento o arrenditi, non si farà mai capire, si chiuderà a riccio lasciandoti intravedere solo ciò che Lei vuole. Altezzosa, snob, ma con un qualcosa di magico che la renderà sempre eterna e che si può percepire solo attraversandola, vivendola, respirandola giorno dopo giorno.
Non pensare che ce l’abbia con te, anche a chi l’ama non si svelerà mai subito…è così Lei, ama stupire, togliere il fiato, magari attraverso uno scorcio a cui non avevi mai fatto caso. Ha la capacità di farti riinnamorare ogni giorno.

 

[rev_slider liberamente]

 

Terre di Siena film festival

La 18° edizione del Terra di Siena International Film Festival punta nel 2014 sull’ecologia e sulla sostenibilità e apre la rassegna cinematografica all’insegna del “Green carpet”: il tappeto verde dove le star sfileranno con l’obiettivo comune di unire un futuro sostenibile con il mondo della moda e del cinema. È in questo scenario che, il 4 ottobre, ha luogo la consegna del premio “Gioconda”, realizzato con la collaborazione della Camera Regionale della Moda Italiana, per la collezione eco-sostenibile Bleme Soleil a firma Asia Neri e Silvia Costa. La consegna della targa, è preceduta da una breve sfilata degli abiti della collezione e una intervista alle due stiliste emergenti. Sostenitrici dell’ambizioso progetto Livia Firth, moglie del Premio Oscar Colin, che insieme ad Antonella Antonelli, direttore della rivista “Marie Claire”, riceveranno l'”Award speciale” per il loro impegno nella creazione di The Circle of Women.. Nella cornice del restaurato cinema Alessandro VII, l’apertura e la chiusura hanno come madrine le giornaliste e conduttrici Rai Laura e Silvia Squizzato. Sfilano sul green carpet star nazionali e internazionali tra le quali ricordiamo nelle passate edizioni Susan Sarandon, Colin Firth, Bob Rafelson, Emir Kusturica, Jack Nicholson, Peter Greenaway, Andy Garcia, Robert Redford, Eric Roberts, Roman Polanski.

[rev_slider filmfestival]